Filippo Guicciardi

Vive e lavora a Modena. Da sempre è affascinato alle forme d’arte in ogni genere.  Ha incominciato il suo percorso artistico avvicinandosi prima alla fotografia per poi integrarla alla pittura.  Con la fotografia, incominciando subito per curiosità, ma per… poi sviluppare con il tempo una continua ricerca, attraverso l’immagine, di un’interpretazione della realtà.  Esprimendo e comunicando le proprie sensazioni, emozioni e dare loro un senso che abbia un posto anche nell’esperienza degli altri.  Tutto questo provando e sperimentando più volte. Studiando e approfondendo svariate tecniche.  È poi con la pratica del karatè che ha dato luogo ad un aumento della percezione di sensazioni più interiori.  Tutto questo è sfociato nel desiderio di un ulteriore sviluppo e ricerca con un’altra forma di espressione, la pittura.  La sua è un’arte visuale, gestuale, una sorta di segni e colori, legata alla tradizione informale, ma con  nuove concezioni.  Creando scie e distacchi volti a raffigurare  una  sorta di liberazione, dovuta ad una reazione.  La sua arte è sviluppata e ricercata con svariate tecniche, ma principalmente attraverso l’uso del dripping.  Questo, però, solamente dopo aver creato il vuoto dentro di sé; così facendo, il corpo riesce ad eseguire spontaneamente movimenti precisi, secchi ma fluidi, poiché è entrato senza ragionamento nello scorrere dell’universo.  L’io sparisce, per far parte di qualcosa di talmente più grande da essere incomprensibile razionalmente.  Osservando l’opera compiuta è come intraprendere un viaggio interiore che sprigiona una sensazione, che ognuno può trovare soltanto dentro di sé, cercando nel suo profondo.

[32 Visualizzazioni]
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com