Crea sito

«

»

Ott 26

540. Angela Maggipinto

OPERE

 

OPERE IN VENDITA

 

BIOGRAFIA

Angela Maggipinto Nata a Olten (Svizzera) il 24/08/1966, impiegata, vive e dipinge a Marina di Ginosa (TA).

Appassionata di pittura fin dall’infanzia, l’Arte è rimasto un hobby da coltivare nel tempo libero e un modo per esternare creatività ed emozioni: una vera e propria “valvola di sfogo”.

Dal 2008, dopo aver sperimentato varie tecniche, ha iniziato a dipingere ininterrottamente ad olio su tela, riscontrando l’approvazione di amici e conoscenti che l’hanno spronata a coltivare sempre più questa passione per la pittura e ad esporre i lavori in varie mostre e concorsi.

Ha una formazione artistica da autodidatta, di ispirazione classica, è attratta artisticamente dai pittori Caravaggeschi e Fiamminghi dei quali ha approfondito e messo in pratica le tecniche, tra le quali le “Velature” personalizzando tale tecnica e applicandola a nature morte e composizioni che dipinge subendo il condizionamento della più moderna corrente artistica dei “Pittori Iperrealisti”.

Studi:

  • Corso di Iperrealismo col Maestro M. Darmiento – ottobre 2016;
  • Corso di disegno e pittura a pastello con la maestra T. Guerrisi – maggio 2017;
  • Corso di Iperrealismo col Maestro Paolo Tagliaferro – luglio 2017;
  • Corso d Ritratto a olio con la Maestra Carmen Mansilla – settembre 2017

 

Ha partecipato a varie collettive, Mostre, Rassegne, Premi e Concorsi:

 

  • Nel 2009:
  • XVIII Premio Nazionale MOICArte Taranto – 1^ classificata nella sez. Artigianato;
  • Concorso “Le mie Regine” – S. Marzano di S. Giuseppe(TA) – 1^ class. sez. Artigianato;
  • Nel 2011:
  • XX Premio Nazionale MOICArte -Taranto – 3^ Classificata nella sez. Pittura
  • Nel 2012:
  • XXI Premio Nazionale MOICArte Taranto – 3^ Classificata  nella sez. Pittura
  • Nel 2015:
  • Concorso di pittura premio “Il Golfo” 1^Edizione 15/20 dic. 2015 c/o Castello Aragonese (TA) “Sulle Orme di S. Francesco….la natività nella società multietnica” – 1° posto premio Giuria Popolare
  • I Edizione Concorso di poesia in vernacolo e pittura ”La cultura è con le ali” 27.12.2015 in viale Ionio a Marina di Ginosa (TA) – 1^ Classificata nella sez. Pittura
  • Nel 2016
  • Premio Enotria 2016 – Lamezia Terme (CZ) c/o Palazzo Nicotera – 13-28/02/2016 – “Attestato di Benemerenza
  • Premio Primavera sullo Ionio c/o Galleria Castello Aragonese Taranto – 10-16/03/2016 – “2^ Classificata sez. Territorio”
  • Concorso Premio “Maggio dell’arte 2016” – Lamezia Terme (CZ) c/o Palazzo Nicotera 20-27/05/2016 – 2^ classificata
  • Collettiva di pittura “SUD …..Miti ..Leggende..Tradizioni” – Cult. “Il Golfo” 21-29/05/2016 a Matera
  • Concorso “La Quadrata” rassegna d’ arte contemporanea c/o galleria Il Melograno (Livorno) – dalla selezione online 16 gennaio/15 maggio 2016 – 4^ Finalista vince esposizione in galleria a Livorno dal 25/06 al 14/07/2016
  • Pubblicazione di alcune opere nell’Antologia Lo Spazio – Storia di Giulia Gonzaga di L. Muccitelli
  • Nel 2017
  • Mostra “EXPO BOLOGNA 2017 VII edizione dal 27  gennaio al 22 febbraio 2017 (3^ classificata dalla giuria popolare)
  • Inserita nel CATALOGO IONIO ARTE 2017
  • Ri d’arte 2017 – Ginosa – 1^classificata
  • Mostra personale “Riflessi Inanimati” c/o locali Infopoint – Agosto ‘17– Marina di Ginosa (TA)
  • Collettiva Marinartist – Agosto 2017 – Marina di Ginosa
  • Inserita nel Catalogo Artesegno Casa d’Aste e Galleria- UDINE

 

Cell. 3389592542 – e-mail: [email protected]

Pag. Facebook: Angela Maggipinto e Angela Maggipinto Art

 

 

DICONO DI ME

 

Magiche atmosfere, sono quelle dipinte dall’artista. Un discorso cromatico di particolare ricercatezza, una forza espressiva, caratterizzano gli elaborati. La natura come riferimento nella sua bellezza. Rigore stilistico, ricerca, applicazione. Traspare il fascino della trasparenza, quasi vitrea, che crea un rapporto istintivo di ammirazione. L’immagine, pur essendo convenzionale, ha eleganza, e, per accostamento cromatico, e, per equilibrio proporzionale e giusto rapporto degli spazi. (Letizia Lisi)

 

L’artista dipinge una natura che non è morta e non è corruttibile, ma è estremamente vitale nel suo saper esprimere la metafora stessa dell’idea del bello che è innata in ogni vero artista e che come tale non può che restare immortale poiché è di origine divina.

Il suo linguaggio pittorico è in grado di fermare l’attimo irripetibile in cui scatta la scintilla della sua felice ispirazione.

Colpisce il suggestivo impianto compositivo denso di turgida vitalità e poesia e capace di riflettere la salda preparazione artistica dell’autrice che si rivela capace di comunicare una “gioia coloristica” simile a quella che ci coglie ascoltando una poesia o un brano musicale ricco di ritmo e tanto sentimento. (Teresa Gentile)

 

Opera “Riflessi con ciliegie”

Una natura morta che sottende vitalità, quella vitalità in cui si ritrovano i riflessi dell’interiorità dell’Artista.

Un evidente “gusto per il bello” e la ricerca di una raffinata composizione.

Cura del particolare con sapienti contrasti cromatici che creano un’atmosfera di elegante ensamble.

San Giorgio 17 aprile 2016 – Circolo Agnini (Baronessa Elisa Silvatici)

 

……momenti magici di ricerca espressiva, Angela Maggipinto, riesce a proporli anche nel figurativo, andando oltre il proprio stile, essenzialmente di ispirazione realistica.

Iperrealista e simbolica insieme, infatti, anche quando raccontano i sentimenti, le sue opere diventano complici di un momento estatico. (Giovanna De Mitri).

 

Ciliegie La sua caratteristica è quella di rendere reale ciò che la circonda. Vorresti quasi tendere la mano per prendere quella fantastica ciliegia rossa, gustosa, polposa, accattivante, per portarla alla bocca e assaporarne il gusto, per sentire attraverso il succo che ne trabocca il suo gusto dolce. (Simona Giorgi)

 

Rose  E mentre fai un passo avanti lì dove lei espone c’è qualcosa che attira la tua attenzione, sono le sue rose. Si proprio le rose, gialle, rosa o rosse, di quelle che si vedono ancora in qualche antico giardino dove ti immagini che ogni giorno ci sia qualcuno che le faccia crescere con lo sguardo e ne accarezzi i petali. O forse sono quelle inglesi pregiate di David Austin o si tratta di una Red Naomi. In ogni caso vorresti prenderla in mano, staccarne i petali per palpare quella consistenza carnosa. (Simona Giorgi)

 

…….arte come pura interpretazione, che va oltre la piacevolezza dei valori formali per coglierne l’essenza espressiva di quella quotidianità alla quale l’artista si sente particolarmente legata. Le rappresentazioni della realtà non sono mai fini a sé stesse, ma bensì veicolano emozioni, sentimenti e stati d’animo che compongono la sua poetica dell’arte. Geniale è anche l’artista nel comporre l’opera che risulta costituita da un’ottima visione d’insieme e distribuzione armonica del colore, di luci ed ombre che ne evidenziano soprattutto la sua sensibilità artistica…(Pasquale Portacci)

 

“APOLLO E DAFNE”: Ispirata al capolavoro del Bernini, quest’opera vuole rappresentare la storia fantastica di “APOLLO E DAFNE”, figure mitologiche trattate dal poeta Ovidio nelle sue “Metamorfosi”. Con una rivisitazione in cui sono visibili connotazioni personalistiche, l’immagine ci presenta Apollo nell’attimo in cui raggiunge la sua amata Dafne fuggente mentre sta per compiersi la trasformazione della fanciulla in albero di alloro. Il momento culminante e drammatico raccontato con grazia formale e con sapiente capacità costruttiva, dà un’impronta di levità alle figure capace di minimizzare e ingentilisce la drammaticità dell’episodio.
In questo omaggio al Bernini, è evidente un gusto di ispirazione neoclassica espresso in un apparato estetico e concettuale di assoluto rilievo, dove l’apporto personale è dato da elementi di dettaglio che ne determinano la rivisitazione in chiave moderna

(Giovanna De Mitri)

 

Angela Maggipinto artista naturalista, sensibile soprattutto ai valori intimi della natura e della realtà del paesaggio, ha creato un proprio linguaggio espressivo esaltando e rinvigorendo sensazioni venate di liriche e poetiche risonanze. Le sue conchiglie, ormai prive di vite e quasi amorfe riacquistano la loro naturale vitalità, la loro bellezza formale, rinvigorite da pennellate accurate e sapientemente equilibrate nel contesto cromatico. Immagini che toccano profondamente la sua sensibilità tanto da stimolare in lei un forte istinto poetico tale da trasmettere al fruitore la percezione suggestiva del potere colloquiare con gli oggetti dipinti. Nel mondo naturale di Angela vi sono anche paesaggi con la loro affascinante realtà che più l’attrae e che rielabora nella dimensione estetica del tutto personale ed originale, che unisce alla sicurezza del gesto grafico, la delicata e raffinata ricchezza cromatica, delicata e suggestiva, con armonie ed intonazioni che hanno valenza di poetiche evocazioni. (Tommaso Traversa)

CONTATTI

email: [email protected]

[45 Visualizzazioni]

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com